Circle S.p.A. (“Circle”), società a capo dell’omonimo Gruppo specializzata nell’analisi dei processi e nello sviluppo di soluzioni di automazione e per la digitalizzazione dei settori portuale e della logistica intermodale, quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana, consolida ed espande la sua presenza nell’area MED grazie alla piena operatività della suite Milos® Terminal Operating System (TOS) all’interno del Terminal Multipurpose di CILP (Compagnia Impresa Lavoratori Portuali), principale operatore terminalistico nel porto di Livorno in cui partecipano al 50% il Gruppo NGI (Neri – GIP 2.0) ed al 50% CPL.

L’operatività della suite Milos® TOS è avvenuta all’interno di un contesto estremamente sfidante, quello del Terminal CILP, caratterizzato dalla presenza di quattro differenti aree destinate allo stoccaggio di diverse tipologie merceologiche, ovvero prodotti forestali (oltre 700.000 tons nel 2019), auto nuove di fabbrica (oltre 305.000 unità nel 2019) e veicoli (oltre 61.000 tons nel 2019), project cargo (oltre 4.700 tons nel 2019) e container. Lo sforzo dei team di Circle e CILP è stato rivolto, quindi, all’intera complessità del Terminal Multipurpose.

Grazie a Milos® TOS è ora possibile gestire congiuntamente tutte le operazioni logistiche, amministrative e doganali all’interno del Terminal. Inoltre, Milos® TOS permette la completa interoperabilità con i sistemi degli altri stakeholder attivi nel porto di Livorno quali l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, le società di trasporto, le agenzie marittime e gli armatori.

Luca Abatello, CEO di Circle ha dichiarato: «Quello appena concluso è il più ampio, articolato e completo progetto relativo a un Terminal Operating System all’interno di un Terminal Multipurpose in Italia. È stata una sfida importante, per la cui riuscita voglio ringraziare in modo particolare, oltre ai nostri collaboratori, il team di CILP che ha lavorato con noi fianco a fianco e con cui siamo orgogliosi di aver condiviso e raggiunto un obiettivo così ambizioso».

Il management di CILP conferma: «Siamo soddisfatti per il raggiungimento di questo primo traguardo che per noi rappresenta una tappa fondamentale nel percorso – stimolante quanto sfidante – di rilancio e crescita dell’azienda, intrapreso da CILP quattro anni orsono con il chiaro e dichiarato obiettivo di continuare ad essere un punto di riferimento e di traino per la portualità livornese oltre che italiana. Questo passo importante sul fronte dell’evoluzione digitale per la nostra azienda è – ne siamo fortemente convinti – uno strumento che sempre più ci supporterà nello sviluppo del nostro business e dei servizi ad esse connessi, con una visione ed approccio assolutamente calati nel nostro tempo con uno sguardo, convinto, sul futuro».

Ulteriori novità attualmente in fase di lavorazione e che saranno introdotte nei prossimi mesi riguardano in primis la Gate Automation grazie all’Internet of Things. Ciò è possibile grazie al costante aggiornamento di Circle sui temi della Supply chain 4.0 che consente di offrire servizi ad alto valore aggiunto a tutti i componenti della catena logistica.

Il progetto per CILP va ad aggiungersi a quelli avviati nel 2019 e sviluppati per Samer Seaports & Terminal a Trieste, Terminal San Giorgio a Genova, a conferma dello sviluppo e della crescita della suite Milos®, nonché dell’espansione del Gruppo Circle in linea con il piano di sviluppo 2020.

Start typing and press Enter to search